Poesie da “Tata nana” ed. Campanotto 2002

 

I° sezione “Putee-Bambine”

Dai giorni umidi de tera,

(quei par cuciarse

interai a ricamar raìse),

te scolti el parlar romatico

de l’osmarin a canpanee-putee

che ‘e speta un tenpo bòn

par vestirse de veo turchìn;

l’ansar scuro dea note sàada

el lamento garbìn lontan,

e ‘na semensa foresta

soto el selgher

ogni ano rivada da lontan:

(xe senpre tera, xe senpre casa),

e ti te vorìa un muceto de mus’cio bòn

par ‘na cuna de foie e aghi,

che cuando vien ‘e stee

xe xa Nadal e presepio.

Dai giorni umidi di terra,/ (quelli per accucciarsi/ interrati a ricamare radici),/ ascolti il parlare aromatico/ del rosmarino a campanelle-bambine/ che aspettano un tempo buono/ per vestirsi di velo turchino;/ l’affanno scuro della notte salata/ il lamento garbino lontano,/ e un seme straniero/ sotto il salice/ ogni anno arrivato da lontano:/ (è sempre terra, è sempre casa),/ e tu vorresti un mucchietto di muschio buono/ per una culla di foglie e aghi,/ che quando vengono le stelle/ è già Natale e presepe.

‘A Casa

Dae sfese se intravede

cotoe par aria

ficanàsar odori intimi

nel comò de naftàina

e ‘a ruxine che sbrissa

tra intimee e quarti de mar,

parchè tuto xe sta scelto

o forse rivà, prima

de un giro de carìon

nea giràandoa dee scae

spanto.

La casa. Dalle fessure si intravedono/ gonne al vento,/ curiosare odori intimi/ nel comò di naftalina/ e la ruggine che scivola/ tra federe e cosce di mare,/ perché tutto è stato scelto/ o forse arrivato, prima/ di un giro di carillòn/ nella girandola delle scale/ diffuso.

A stansa

Ogni tanto, vado – dentro ‘a stansa –

me distiro sul leto e vardo:

e face dea fitànsa, còorae

come el coprileto de gasie xae,

de xenti passae, ‘na festa, che resta!

– ‘sta stansa – co’l lampadario indìan

che distriga rufiàn el gemo

tra i nissioi missiai: cuel

che faseva case, l’infermiera che no’

saveva taser, n’altro che ’ndava

a piànxer; cussì tra ‘sta coltrina

fina filtra ‘na luce che camina.

 

La stanza. Ogni tanto, vado – dentro la stanza -/ mi distendo sul letto e osservo:/ i volti dell’affittanza, colorati/ come il copriletto di acacie gialle,// di genti trascorse, una festa, che resta!/ – questa stanza – col lampadario indiano/ che sbroglia ruffiano il gomitolo/ tra le lenzuola mescolate: quello// che costruiva case, l’infermiera che non/ sapeva tacere, un altro che andava/ a lagnarsi; così tra questa tenda/ fina, filtra una luce che trascorre.

 

Annunci